Perché anche il gioiello vuole la sua parte

Diceva la regina dell’eleganza, Coco Chanel, che un gioiello non deve provocare invidia bensì stupore. Credo che tutte le donne dovrebbero tenere a mente le parole della stilista francese, a maggior ragione nel giorno del proprio matrimonio. Nel giorno più bello e felice della vita di una donna, la sintonia tra abito e gioielli deve […]

Diceva la regina dell’eleganza, Coco Chanel, che un gioiello non deve provocare invidia bensì stupore. Credo che tutte le donne dovrebbero tenere a mente le parole della stilista francese, a maggior ragione nel giorno del proprio matrimonio.

Nel giorno più bello e felice della vita di una donna, la sintonia tra abito e gioielli deve essere ricercata e raffinata.

Care sposine, inutile che ci giriamo attorno! L’unico gioiello che deve risaltare il giorno del matrimonio, soprattutto durante la cerimonia, è la fede nuziale. D’oro rosso, bianco, piena di diamanti o con uno solo al centro, la fede sarà la protagonista di quel giorno e il momento dello scambio degli anelli sarà sicuramente il più emozionante di tutta la cerimonia.

Via  altri anelli, per lasciare campo libero alla regina della cerimonia: la fede nuziale, infatti, simboleggia  l’ Amore eterno che accompagnerà gli sposi per tutta la vita.

L’unica eccezione, tuttavia, può essere riservata , se si vuole, all’anello di fidanzamento che però deve essere portato nell’anulare destro lasciando quindi libero il sinistro per la fede.

Anche dalle passerelle del settore, la parola d’ordine che emerge è “semplicità”: i gioielli più adatti per le spose sono gli orecchini. La scelta per il giorno tanto atteso  non è molto ampia: si preferiscono perle o diamanti in modo da far risaltare lo sguardo radioso e splendido della sposina.

Se proprio si vuole azzardare, si può optare per le pietre colorate come smeraldi, zaffiri, quarzo rosa che con la loro eleganza riescono a sorprendere mantenendo un’allure raffinato. Sappiamo bene che ogni pietra ha un proprio significato: lo smeraldo è sinonimo di speranza, il brillante è il vincolo dell’amore eterno, lo zaffiro simboleggia invece l’amore duraturo; il rubino infine vuole esprimere devozione e rispetto. Come leggete, si può comunicare anche indossando un gioiello.

Ultima chicca: volete stupire i vostri ospiti? Care future sposine, al posto del celeberrimo (trito e ritrito) cambio d’abito, la moda suggerisce di osare, indossandoli durante il ricevimento di nozze, con dei gioielli vistosi: una maxi collana con monili antichi oppure un collier, una parure inaspettata vi assicuro che lasceranno amici e parenti a bocca aperta.

 

Lucia Piazza

Wedding Planner, Esperta in event management e comunicazione
Lucia Piazza